loading

9 alternative al sale

Il sale è uno degli elementi indispensabili per il nostro organismo, ma se il corpo si accontenta di una dose giornaliera di non più di 4 grammi di sale, spesso si arriva ad assumerne dieci o dodici volte la quantità occorrente!

Non bisogna considerare solo la quantità perché anche la qualità del sale incide sul nostro benessere. Il sale bianco usato comunemente in cucina subisce diversi processi di raffinazione che portano alla perdita di molti minerali a favore di un maggior contenuto di sodio. Eccedere con il sale bianco significa danneggiare la salute con il rischio di patologie legate all’ipertensione e a problemi cardio-vascolari. Per il nostro benessere è bene quindi cercare di limitare il più possibile l’aggiunta di sale nei cibi riscoprendo dei sapori a cui non siamo più abituati. Per questo la riduzione del sale è un percorso che deve essere affrontato gradualmente e che parte da un primo semplice passo: non mettere la saliera a tavola. Il secondo, è scegliere una di queste alternative!

1. Sale marino integrale

Se proprio non si riesce a ridurre il sale che almeno sia di qualità. Il sale marino integrale non subisce tutto il processo di raffinazione del sale comune conservando molti minerali. Quindi, a parità di peso, il sale marino integrale contiene meno sodio ed è più salutare.

2. Spezie

Sono le alleate ideali per ridurre (o eliminare completamente!) il sale da tante ricette. Non solo, sono utili anche a migliorare i sapori dei cibi più “difficili” come broccoli e cavolfiori, cosicché possano piacere anche ai bambini. E in più, fanno proprio bene all’organismo grazie alle loro proprietà benefiche. Ad esempio, lo zenzero aiuta la digestione e il cumino è un’ottima fonte di ferro!

PER APPROFONDIRE: 5 cose che non sapevi su spezie e erbe aromatiche

3. Succo di limone

Per eliminare il sale dalle insalate ma esaltarne comunque il sapore, la soluzione migliore è il succo di limone. Può essere spremuto direttamente sulle foglie d’insalata oppure si può utilizzare per comporre dei gustosi dressing unendolo a spezie ed erbe aromatiche.

Limone

4. Gomasio

Il gomasio è un condimento made in Japan composto da sale marino e semi di sesamo tostati. Il punto di forza del gomasio sta proprio nella presenza dei semi di sesamo che essendo naturalmente molto saporiti riescono a dare gusto alle pietanze aiutando a ridurre progressivamente il sale. Se vuoi saperne di più sul gomasio clicca qui!

5. Salsa di soia 

La saporitissima salsa di soia è forse la chiave della longevità dei popoli orientali per le sue proprietà digestive che aiutano il metabolismo. Inevitabile nei menu della cucina asiatica, può essere usata con creatività anche in piatti nostrani in sostituzione del sale.

6. Erbe aromatiche

Prezzemolo, salvia, basilico, rosmarino, maggiorana e tante, tantissime altre erbe aromatiche grazie al loro sapore e odore intenso costituiscono un ottimo rimedio per rendere le pietanze sapide; senza dimenticare le loro proprietà benefiche, come la ricchezza di vitamine e la capacità di stimolare la digestione.

RICETTE SANE: Prova 10 ricette con erbe aromatiche e spezie

7. Pepe

Il suo gusto piccantino riuscirebbe a dare sapore anche al cibo più insipido senza aggiungere nemmeno un grammo di sale. È noto che l’aggiunta del pepe nelle pietanze serve a facilitare la loro digestione, in più al pepe si attribuiscono proprietà antisettiche e antinfiammatorie. Associato alla curcuma (una spezia dal colore giallo-arancio, l’ingrediente base del curry) ne potenzia le proprietà antiossidanti e antitumorali.

Pepe

8. Miso

Il sapore viene dal Giappone con il miso. Questo condimento tipico della cucina nipponica nasce dalla lunga fermentazione di soia, sale marino e cereali. È perfetto come sostituto del dado da brodo non solo nelle minestre ma anche nei piatti a base di riso, carne o pesce. Ricco di preziosi fermenti, utili per riequilibrare la microflora intestinale, deve essere aggiunto a fine cottura e a fuoco spento per beneficiare dei suoi importanti principi attivi.
Leggi di più sul miso.

9. Aceto di mele

Contrariamente a quanto si possa pensare, laceto di mele non copre il sapore dei cibi ma lo esalta. Soprattutto nelle insalate si può aggiungere liberamente l’aceto di mele viste le sue qualità dimagranti e depurative.

10. Lievito alimentare a scaglie

Da non confondere con il lievito per la lievitazione, il lievito alimentare è un ottimo insaporitore naturale, adatto soprattutto per ridurre il sale nei primi piatti su cui va aggiunto a fine cottura, grattugiato o a scaglie, come il grana.

 

* Articolo originariamente pubblicato il 17.08.2012 e aggiornato il 28.07.2018

  1. Grazie , trovare informazioni utili e vere fa’ bene ALLA mia salute.
    Ci vorrebbero dej negozi che vendono Solo cose che fanno bene alla salute chi prodUce cose non jntegrali dovrebbe imparare a ptodurle integrali .
    Da mary guest house buon lavoro 🙋‍♀️

      1. Ciao, grazie per averci scritto. Certo, la salsa di soia può essere usata come alternativa al classico sale da cucina perché dona già un sapore salato ai piatti. Per non esagerare, noi consigliamo di preferire quella a ridotto contenuto di sale 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.