loading

L’orzo

I 12 cereali integrali hanno il loro capostipite: è l’orzo,  un cereale che ha un ruolo di prestigio nelle tavole di tutto il mondo grazie ai suoi benefici e al suo gradevole gusto. 

 

Origini dell’orzo

Pianta originaria dell’Asia Occidentale. Sembra fosse già coltivata dal VII millennio a.C.. L’orzo detiene infatti il titolo di primo cereale a essere stato coltivato dall’uomo. Non solo, fino al ‘400 è stato anche il cereale più utilizzato per la panificazione. Nel corso degli anni la sua diffusione non si è mai arrestata, ma un po’ alla volta ha ceduto il passo al frumento. Ampliamente coltivato per foraggio e per granella, trova infatti destinazione sia per l’alimentazione del bestiame che per la produzione di malto, che a sua volta è materia prima per la fabbricazione di birra, whisky, farina al malto e, anche, come surrogato del caffé soprattutto nei dolci

 

Proprietà e benefici

A differenza degli altri cereali, ha un elevato contenuto di lisina, un aminoacido essenziale che va assunto tramite l’alimentazione poiché l’organismo umano non è in grado di sintetizzarlo. La lisina è presente soprattutto nella carne, nel formaggio, in alcuni pesci (merluzzo e sardine), nella soia e nei suoi derivati, nei legumi in generale. L’orzo contiene calcio, ferro (in modeste quantità), vitamine B1, B2 e PP. Agisce come antinfiammatorio ed emolliente, allevia fastidio gastrico e rilassa le pareti intestinali. Il decotto d’orzo, può essere utilizzato per gargarismi per alleviare le infiammazioni alla cavità orale e l’estratto d’orzo viene utilizzato per preparare le caramelle utili contro il mal di gola.

 

Consigli

Il chicco d’orzo può essere consumato integro (orzo mondo) dopo 12 ore di ammollo e un’ora di cottura; oppure, se si preferiscono tempi di cottura più brevi, si può optare per il decorticato (orzo semiperlato) o per il raffinato (orzo perlato) che cuoce in 20 minuti ma è quasi completamente privato di fibre, vitamine e sali minerali. 

 

Provate l’orzo con i sapori della primavera insieme alle taccole e ai carciofi. Scoprite la ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.