loading

Una spesa da blogger, una spesa organizzata

Fare la spesa, c’è a chi piace e chi rabbrividisce al solo pensiero. C’è chi ha poco tempo e chi ama perdersi tra gli scaffali.
Io mi posiziono nel mezzo, sono tra coloro che amano sbirciare tra le tante offerte (specialmente scoprire nuovi prodotti del territorio veneto) ma, per carenza di tempo, non posso permettermi di trascorrere ore al supermercato.
Ecco che ho trovato alcune soluzioni per organizzare la mia spesa guadagnando tempo e anche contenendo i costi.

Oggi ti racconto la mia spesa organizzata!

 

App condivisa

La mia attività nel web e la mia inclinazione all’organizzazione mi portano a preferire soluzioni digitali (comode e veloci) anche per gestire la spesa.
Online si trovano diverse applicazioni per fare la lista della spesa, io ti consiglio di orientarti su quelle condivisibili con più utenti in modo che tutta la famiglia possa collegarsi allo stesso account e avere sempre una panoramica aggiornata di ciò che serve in casa. Mio marito e io, per esempio, attingiamo allo stesso profilo e così possiamo aggiungere entrambi le cose che ci servono in lista.
Non solo, applicazioni di questo tipo permettono di suddividere la spesa per categorie di prodotti: detersivi con detersivi, verdura con verdura…
Utilissime quindi per essere efficienti anche tra le corsie del supermercato ed evitare di girare come trottole.

 

Despar Tribù

Ne avevo già parlato più approfonditamente qui e confermo che l’uso della Despar Tribù è diventata una piacevole abitudine pre-spesa. Prima di partire alla volta del supermercato, dopo aver fatto la lista, scarico il buono e consulto le offerte. Accumulare punti è semplicissimo e il risparmio è effettivo.

 

Budget tempo

Stabilisco quanto tempo trascorrerò al supermercato. Non mi impongo certo la maratona di New York (!) ma preferisco investire una risorsa prestabilita di tempo per poi dedicarmi alle molte attività di mamma e blogger.

 

Evito gli orari di punta

Se mi è possibile (e specifico SE) evito di fare la spesa nelle giornate di maggior affluenza ovvero il weekend. Se proprio non riesco a organizzare gli acquisti durante la settimana, cerco di andare al supermercato durante l’ora del pranzo, quando molti si riversano nei bar/ristoranti del mio punto vendita di fiducia. Le corsie tendono a essere più libere e la mia spesa più efficiente.

 

Gettone in plastica

In famiglia lo chiamiamo simpaticamente fake! “Hai il fake?” Ci chiediamo mio marito e io (fakein inglese significa finto, non autentico).
La scelta è ricaduta sul gettone di plastica quando puntualmente ci trovavamo senza l’euro necessario per il carrello, perché lo avevamo già speso altrove…
L’euro in plastica è il mio salvavita, con lui evito mille trafile al cambio monete.

 

Cassa veloce

Se girare per gli scaffali mi piace e mi permette di scoprire nuovi prodotti (tra cui molti anche del mio territorio), il momento dell’attesa alle casse proprio non mi entusiasma. Se con me c’è anche il piccolo Andrea poi, con la sua notoria pazienza, apriti cielo!
Ecco che la cassa veloce è la prima scelta per la mia spesa organizzata. È più snella e permette al mio piccolino di darmi una mano passando i prodotti sul lettore. Questo mi consente di respirare un pochino tra spesa e qualche capriccio.

 

Sacchetti riutilizzabili

Ne ho un’infinità: plastica, tessuto, carta…e puntualmente li dimentico a casa! Non dirmi che non ti capita mai!
Ecco che per non incorrere più nella dimenticanza ho selezionato alcuni graziosissimi sacchetti ripiegabili in tessuto tecnico che diventano minuscoli da richiusi e li stipo letteralmente tra borse e bagagliaio dell’auto. Alcuni sono ricordi di viaggi speciali, altri li ho acquistati rapita da grafiche e stampe.
Perché non voglio più arrivare alla cassa e dire “Noooo, li ho dimenticati di nuovo!”.
E tu, hai qualche dritta per una buona spesa organizzata?

  1. Il salvatemPo, dispositivo che permeTte di registrare la lista dei prOdotti aCquistati e il costo singolo e totale.
    Poi si evita la fila alla cassa perche si passa solo il diSpositiVo.

    E anche il budget costo: la spesa settImanale si aggira sempre sullo stesso prezzo e sugli stessi prodotti, quindi qUando arrivo al ‘tetto massimo’ di spesa, so che ho preso tutto (o qUasi).

    Infine, aNdare con ordine passaNdo le corsIe di interesse in ordine progressivo e non casuale.

    1. Grazie per il suggerimento Alice, andrò sicuramente a dare una sbirciatina all’app che consigli 😉

      Cristina Papini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.