loading

Merenda al cioccolato e frutti rossi

  • Persone 4
  • Preparazione 15'
  • Difficoltà    
  • Costo    

Cioccolato extrafondente e frutti di bosco: un connubio perfetto sia in cucina che per il nostro sistema cerebrale! E’ dimostrato, infatti, che entrambi gli alimenti sono in grado di limitare il rischio dell’insorgenza di condizioni patologiche e degenerative a livello cognitivo, grazie agli antiossidanti che contengono. 

 

Ingredienti 

 

150 g di farina integrale di grano tenero

100 g di farina 00 Despar

40 g di miele di acacia Despar

15 g di lievito di birra fresco

75 g di acqua

75 g di bevanda di riso

2 pizzichi di sale

100 g di cioccolato 85%

100 g di frutti di bosco

 

 

Procedimento

Amalgamare le due farine. Sciogliere il lievito nel latte unito all’acqua e al miele tiepidi. Unire il lievito sciolto alla farina, aggiungere il sale. Impastare fino ad ottenere un panetto omogeneo. Lasciarlo lievitare fino a che non avrà raggiunto il doppio del volume iniziale. Una volta raddoppiato, stenderlo su di un foglio di carta da forno con un mattarello fino a raggiungere 1 cm di spessore. Ricavare quattro rettangoli e mettere nel centro di due i frutti di bosco e su due il cioccolato spezzettato grossolanamente. Unire prima gli angoli dei lati lunghi dei rettangoli di pasta e poi chiudere bene congiungendo gli altri angoli. Infornare a 180° C per 18/20 minuti.

  1. Ciao Stefano! Mi chiamo Ilaria, vorrei farti una domanda riguardo al lievito. Io sto cercando di togliere dalla mia dieta il lievito di birra per preferire il lievito madre, ma al momento oltre ad essere insicura sulla preparazione, richiede tempo e attenzione che al momento non posso dedicare. Così ho provato il lievito madre secco, so che lo starter è una piccola percentuale di lievito di birra, ma non sono molto convinta… ho fatto ricerca a riguardo tu cosa ne pensi del lievito madre secco? Grazie per l’aiuto.

  2. Ciao Ilaria! Sinceramente non credo nelle buone qualità del lievito madre secco. Molto meglio quindi il lievito madre normale: puoi provare ad autoprodurlo o puoi chiedere ad un amico fornaio di procurartene un po’ 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.