loading

Crema di nocciole piemontesi e cacao

  • Persone 4
  • Preparazione 10'
  • Difficoltà    
  • Costo    

Se abituate i vostri bambini a gustare il cacao amaro, ad apprezzarlo e a preferirlo al cioccolato al latte, li aiuterete a tenere sotto controllo l’aumento di peso e offrirete a loro un modo sano di assaporare uno dei loro alimenti più amati.

 

Questa crema da spalmare, consumata in piccola quantità con pane integrale e abbondante frutta fresca, è ideale a colazione o come spuntino prima dell’attività fisica o durante una gita all’aria aperta.

 

Ingredienti  

200 g di nocciole piemontesi biologiche senza

pelle

30 g di miele di acacia Despar

1 cucchiaino di cacao amaro in polvere Despar

mezza stecca di vaniglia

40 g di olio di semi di girasole Despar

 

Procedimento

Tostare le nocciole in una padella antiaderente, spellarle e macinarle molto finemente con l’aiuto di un mixer facendo comunque attenzione a non scaldare troppo il composto, è quindi opportuno fare più pause durante questa operazione. Una volta tritate le nocciole, unire il cacao e i semi di mezza stecca di vaniglia e continuare a macinare. Aggiungere il miele e l’olio e mescolare bene per amalgamare il tutto. È possibile regolare la densità della crema aggiungendo o diminuendo la quantità di olio. Una volta ottenuta la densità desiderata versare il tutto in un barattolo di vetro, richiudere e riporre in frigorifero. Al bisogno spalmare la crema su una fetta di pane integrale e a piacere aggiungere fettine di banana o altra frutta fresca.

 

Scopri tutti i benefici della nocciola! 

 

  1. Ciao Melissa! Gli ingredienti si “cuociono” quando vengono macinati insieme, quindi non devono essere cotti sul fuoco anche perché sono tutti prodotti secchi che non deperiscono facilmente.

    1. Ciao Giorgia! La crema si può conservare in frigorifero fino a 6 giorni. Non c’è pericolo di sviluppo di botulino in quanto non c’è acqua, non ci sono derivati animali e sono presenti dei conservanti naturali come l’olio e il miele.

Rispondi a giorgia boaretto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.