loading

Focaccia dolce all’uva

  • Persone 4
  • Preparazione 10'
  • Difficoltà    
  • Costo    

Nella ricetta di questa focaccia si può trovare il resveratrolo è uno dei più potenti antiossidanti e si trova soprattutto nella buccia degli acini d’uva. Questa molecola aiuta a ridurre il colesterolo LDL (quello “cattivo”), migliora la fluidificazione del sangue e di conseguenza riduce il rischio di placche trombotiche.


Ingredienti

100 g di zucchero di canna grezzo
800 g di uva nera
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
12 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di malto d’orzo
300 ml di acqua
500 g di farina integrale di grano tenero

Procedimento

1. Iniziare preparando la pasta per il pane, quindi sciogliere il lievito in poca acqua tiepida prelevandola dai 300 ml di acqua prevista per la ricetta e aggiungere un cucchiaino di malto (Foto 1).
2. Aggiungere la farina e cominciare a impastare aggiungendo un po’ alla volta l’acqua
restante. Una volta ottenuta una consistenza liscia e compatta, formare una palla e metterla in una terrina da coprire poi con la pellicola (Foto 2). Lasciare lievitare per un paio
d’ore in un ambiente non troppo freddo.
3. Una volta che l’impasto avrà raddoppiato di volume, stenderlo e aggiungere metà dello zucchero previsto, quattro cucchiai d’olio e impastare nuovamente per qualche minuto.
4. Prendere l’uva, lavarla e staccarne tutti gli acini.
5. Dividere la pasta in due parti e stenderle entrambe con un mattarello, fino a ottenere
lo spessore di circa 1 cm. Ungere d’olio una teglia con dimensioni di 40 per 30 cm.
6. Ricoprire la teglia con una sfoglia di pasta e iniziare a posizionare metà dell’uva (Foto 3) in modo uniforme sulla superficie, cospargere un cucchiaio di zucchero e dell’olio extravergine di oliva.
7. Ricoprire il tutto con l’altra sfoglia di pasta (Foto 4) e sopra i restanti acini d’uva, un cucchiaio di zucchero (Foto 5) e un filo d’olio (Foto 6).
8. Infornare la focaccia per 50 minuti in forno preriscaldato a 180°C.

Un consiglio in più: se scegliete una varietà di uva con acini grandi, potete tagliarli a metà.

  1. Ciao Stefano oggi ero tutta bella pimpante per questa ricetta che ho trovato dopo molto tempo sulla rivista cartacea Despar ottobre 2013. tutto o.k. per la prima parte fino a p.2. Poi, invece dell’olio extra v. ho usato quello di semi di vinacciolo perché più neutro (forse ho lavorato troppo a lungo l’impasto prima di stenderlo al p.3. Fattostà che si è alzato poco in cottura, troppo schiacciato e troppo cotto, scuro e biscottato. Che cosa ho sbagliato?

  2. Ciao Lucia! Innanzitutto sconsiglio l’utilizzo di olio di vinaccioli per cotture ad alte temperature in quanto essendo ricco di acidi grassi polinsaturi (l’acido linoleico), molto meno stabili di quelli monoinsaturi, può dar luogo molto più facilmente alla formazione di sostanze dannose. Al contrario, l’extra vergine è molto più stabile.
    Per il resto, ti consiglio di provare con il forno statico e di provare a far riposare l’impasto un’altra oretta dopo aver steso e farcito la focaccia prima di infornarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.