loading

Tartare di ricciola

1. Sfiletto la ricciola oppure lo richiedo al pescivendolo al momento dell’acquisto. Tolgo la pelle ed elimino tutte le lische con l’aiuto di una pinzetta.
2. Ripongo i filetti ben stesi in un sacchetto adatto per la conservazione dei surgelati e lo metto in congelatore. Prima di consumare la ricciola, la lascio a una temperatura di -20°C per 60 ore per debellare l’anisakis, un parassita abbastanza resistente e molto dannoso per la salute.
3. Con il frullatore a immersione frullo il cetriolo tagliato a rondelle con un bicchiere d’acqua. Verso in un recipiente rettangolare a bordi bassi e metto anch’esso in congelatore.
4. Una volta trascorso il tempo utile per bonificare la carne del pesce, lo prelevo dal congelatore, lo lascio scongelare in frigorifero e lo taglio quindi a cubetti.
5. Mondo e taglio a cubetti anche le verdure: sedano, zucchina, carota.
6. Preparo un’emulsione con olio, succo di limone e zenzero grattugiato, mescolando con una frusta o con il frullatore a immersione.
7. Verso l’emulsione in un recipiente e metto a marinare i cubetti di ricciola e di verdure per circa 30 minuti.
8. Preparo nel frattempo la granatina di cetriolo grattando con un cucchiaio il composto precedentemente congelato.
9. Scolo la tartare e creo la monoporzione servendomi di un coppapasta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.