loading

La regola d’oro dell’allenamento perfetto per perdere peso

Durante le vacanze estive ti sei concesso qualche strappo in più alla regola, vero? Tra aperitivi sulla spiaggia, gelati da passeggio e cene fuori casa è difficile mantenersi sulla “retta via”. Per fortuna, è sempre possibile recuperare e, al rientro dalle ferie, puoi riprendere il tuo stile di vita sano.

La prima cosa da fare è ritornare al proprio peso forma e perdere quei chili di troppo che ti hanno fatto compagnia durante le vacanze. Ritornare alle buone abitudini alimentari con il piatto unico è un’ottima scelta ma puoi raggiungere i tuoi obiettivi in modo più efficace anche con l’attività fisica.

A questo punto penserai: “Bene! Allora vado a correre!”; e invece non è proprio così. È un falso mito, infatti, pensare che l’attività fisica aerobica come la corsa o il ciclismo sia automaticamente la risposta giusta per perdere peso.

Questi tipi di allenamento ti permettono di bruciare grasso, certo, ma con esso si “brucia” anche la massa muscolare.
Allora, qual è la cosa giusta da fare?

La regola d’oro è: svolgere attività fisica in grado di attivare il metabolismo basale.

Il metabolismo basale rappresenta la quantità di calorie che si utilizzano nelle 24 ore per attività vitali e migliora con una maggior massa muscolare. I muscoli sono metabolicamente più attivi di altri tessuti, come quello adiposo. Se quindi, non si allenano i muscoli, il metabolismo basale si riduce e, di conseguenza, anche se durante un allenamento aerobico si bruciano calorie ciò non ha effetti a lungo termine.

Se si potenziano i muscoli, invece, si aumenta il metabolismo basale e quindi nell’arco delle 24 ore si consumano molte più calorie.

PER APPROFONDIRE: Perché non riesco a dimagrire?

Un programma di allenamento dedicato alla massa muscolare, per la sua effettiva efficacia deve:

  1.  Prevedere degli esercizi in grado di sovraccaricare i muscoli nel modo giusto, di mantenere la tensione muscolare e di coinvolgere il maggior numero di fibre muscolari;
  2. Puntare più sull’intensità che sulla durata della seduta (non più di un’ora) e sul numero di ripetizioni;
  3. Svolgersi per 3 volte a settimana;
  4. Non lasciare spazio all’improvvisazione. È sempre bene affidarsi all’esperienza di istruttori professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.