loading

Il topinambur

 

Topinambur: una sola parola per indicare tre parti diverse della medesima pianta. Infatti, per topinambur si può intendere sia il fiore girasole, sia la radice commestibile – chiamata anche carciofo di Gerusalemme – sia il tubero nutriente, dell’omonima pianta. 

 

Cos’è il topinambur

Quando si parla di sana alimentazione e di cucina, però, l’attenzione è puntata tutta sul topinambur inteso come tubero. Ha un sapore molto particolare, tra quello della patata e del carciofo. La sua stagione naturale è l’autunno: esiste la varietà precoce, bianca, e quella tradizionale, bordeaux, dalla tipica buccia marrone violaceo. 

 

Proprietà e benefici del topinambur

Il topinambur è un alimento eccellente per favorire la corretta funzionalità dell’intestino perché contiene l’inulina, una fibra solubile composte da lunghe catene di fruttosio. L’inulina favorisce la digestione, riduce la produzione di gas intestinali e stimola la proliferazione della flora batterica intestinale, cioè dei batteri “buoni” che neutralizzano quelli “cattivi” presenti nel colon. 

Aiuta i diabetici e combatte il colesterolo, perché rallenta l’assorbimento dei glucidi (zuccheri) e dei grassi nell’intestino. È un protettivo naturale del fegato e costituisce anche un’ottima dose di energia e vitalità: è utile per anziani e convalescenti, combatte l’astenia (stanchezza) e lo stress fisico e mentale. Alleato del metabolismo cellulare, facilita anche la cicatrizzazione delle ferite.

 

Consigli

Il topinambur va scelto ben sodo, senza ammaccature e non va conservato a contatto con l’aria perché raggrinzisce. Si trova anche sotto forma di farina, utilizzabile per i prodotti da forno, mescolato con la farina di frumento, farro, grano khorasan (kamut). Mangiato crudo è ideale tagliato a fettine sottili, quasi a velo, e condito con olio, limone e prezzemolo. I piemontesi lo intingono nella bagna càuda. Si può anche cuocere, togliendo prima la sottile pellicina che lo ricopre. Per un contorno tanto sano quanto buono e originale, si può tagliare il topinambur a cubetti, cuocerlo al vapore per 10 minuti e condirlo a piacere. 

 

Curiosità

Mamma in attesa? Via libera al topinambur! Pare che aumenti la produzione di latte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.