loading

Il gusto è anti-colesterolo con il carciofo!

Il carciofo è un ortaggio davvero poliedrico: non solo per la sua forma a fiore, ma anche perché è amato da chi cura la propria alimentazione date le sue numerose proprietà benefiche ed è adorato dai buongustai per il suo sapore inconfondibile. Ma incominciamo dalle origini…

Origine del carciofo

Il carciofo cresce spontaneo e selvatico in tutto il bacino del Mediterraneo. Il suo nome deriva dall’arabo harsciof e in Italia è coltivato da tempi antichi così come anche in Spagna e in Francia. Con il carciofo il nostro Paese può vantarsi del primato di essere il maggior produttore di quest’ortaggio a livello mondiale.

Proprietà e benefici del carciofo

Il carciofo è una miniera di fibre, minerali (sodio e calcio) e vitamina B. Ipocalorico e diuretico per l’alto contenuto di acqua, quest’ortaggio entra a buon diritto nella top ten dei cibi alleati contro il colesterolo: le sue fibre, infatti, aiutano a ridurre il livello di colesterolo “cattivo” (LDL) nel sangue. Il carciofo è noto non solo per le sue proprietà anti-colesterolo ma anche perché favorisce la diuresi e stimola il fegato.

Consigli per usare il carciofo in cucina

Del carciofo non si butta via niente: mangiane non solo il tenero cuore, ma anche le foglie e il gambo che contengono eccellenti principi nutritivi. Da consumare crudo in insalata per beneficiare di tutte le sue proprietà (con qualche goccia di limone affinché non annerisca), è delizioso anche cotto e ripieno per i palati più golosi come in questa torta salata.

Curiosità sul carciofo

Talmente buono e bello da meritarsi un’ode del premio Nobel Pablo Neruda con “Oda a la Alcachofa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.