loading

Una merenda ricca di potassio

Il potassio è il principale degli ioni (molecole fondamentali per la vita, come il sodio) all’interno delle cellule del nostro organismo e svolge tutta una serie di funzioni essenziali. Una carenza di potassio può causare crampi, fiacchezza, alterando la funzione dei nostri muscoli, e alterazioni del ritmo cardiaco. Il nostro organismo necessita di 2-3 grammi di potassio al giorno, ma in situazioni specifiche, ad esempio nell’attività sportiva, in caso di gastroenteriti con diarrea abbondante o quando si suda molto, il fabbisogno risulta nettamente maggiore.

Quali sono quindi le fonti principali di potassio alle quali rivolgersi in condizioni di necessità? In un precedente post abbiamo già conosciuto dei cibi ricchi di potassio.

E qui nasce il discorso della merenda, un’abitudine che ormai lasciamo (qualche volta) ai nostri bambini ma che andrebbe, in alcune situazioni, recuperata.

E siccome difficilmente uno si porta via da casa le banane o le albicocche fresche, frutta molto ricca di potassio, ecco il suggerimento: un sacchettino di frutta secca con banane, albicocche, fichi, prugne e uvetta con un po’ di mandorle, noci e nocciole (senza esagerare per il valore calorico di quest’ultime). Cento grammi di una miscela di questo tipo garantiscono più di 500 mg di potassio. Per confermarvi di quanto utile sia mangiare questi mix di frutta secca vi dico che difficilmente nello zaino di qualsiasi alpinista manca un sacchettino di questo alimento. Ma non fermiamoci qui.

Accompagniamo questo snack con un buon succo di frutta. Gli esperti consigliano di bere molto e mangiare tanta frutta. È quindi possibile combinare queste due buone pratiche alimentari bevendo dei buoni succhi di frutta senza zuccheri aggiunti. In questo modo si prendono due piccioni con una fava: si idrata il nostro organismo e si assumono ulteriori quantità di potassio, accompagnato da discrete quantità di vitamine, come la A e la C, e da pochi zuccheri naturali della frutta. I succhi più ricchi di potassio sono quello di albicocca, quello di frutti di bosco o di soli mirtilli (utile anche per la vista), di melagrana e d’uva.
Questo se ci limitiamo ai succhi, ma se aggiungiamo frullati, spremute e centrifugati ci possiamo sbizzarrire in tutti i modi con la frutta e qualsiasi scegliamo, siamo sicuri di farci del bene.

E per sapere cosa fa bene a tavola e cosa mangiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.