loading

Knitting: 5 motivi per iniziare a lavorare a maglia

Lavorare a maglia è roba di altri tempi? A giudicare dall’interesse che si è sviluppato nell’ultimo periodo per l’arte dello ‘knitting’, non c’è niente di più falso.

Nelle grandi città fioriscono i knit cafè (luoghi di ritrovo in cui tra chiacchiere e bevande calde, si lavora e si crea insieme), sui Social compaiono sempre più foto di gomitoli, ferri e lana e anche le star sembrano interessarsi a questa pratica.

Indipendentemente dalla moda del momento, però, pare che ‘sferruzzare’ sia un hobby che può aiutarti a stare bene. Ecco i 5 motivi per cui vale davvero la pena di prendere in mano lana e ferri.

1. Riduce lo stress

Secondo alcuni studi, ad esempio quelli di Herbert Benson, docente ad Harvard e autore di ‘The Relaxation Response’, dedicarsi ad alcune attività manuali permette di alleviare lo stress. Il lavoro a maglia è una di queste. Concentrarsi sul proprio lavoro, osservarne i progressi, usare i colori e materiali preferiti aumenta il benessere. Dal punto di vista corporeo, questo avviene perché si riduce il livello dell’ormone dello stress (cortisolo) nel sangue. E’ provato inoltre che, iniziando a praticare knitting con una certa costanza, la pressione arteriosa si abbassa e rallenta anche il ritmo cardiaco.

2. Ottieni un risultato concreto

La maggior parte di noi svolge lavori d’ufficio o di concetto e non è abituato a vedere il ‘risultato concreto’ dei propri sforzi. Con il lavoro manuale, invece, i progressi e il risultato finale si vedono chiaramente. Dedicarti ad un’attività e osservare che, partendo da zero, grazie a lavoro e impegno, puoi arrivare ad un prodotto finito, ti farà sentire soddisfatto e appagato. Il frutto del tuo lavoro potrà essere indossato da te o regalato e questo aumenterà ulteriormente la sensazione di piacere. Quando raggiungi un obiettivo, il tuo corpo rilascia ormoni del benessere come la dopamina e la serotonina e, alla fine del lavoro, ti sentirai più felice, rilassato e creativo.

3. Ti aiuta a concentrarti

La nostra mente a volte si comporta come una scimmietta impazzita che corre da un pensiero all’altro senza fermarsi mai. Si proietta verso il futuro, poi torna nel passato o di nuovo si lascia trascinare da qualcosa che attira improvvisamente la sua attenzione. Quando pratichi qualcosa di concreto come il knitting, però, non ti puoi distrarre più di tanto. Altrimenti sbagli. E questo continuo riportare la mente al momento presente, ti insegnerà a restare più concentrato e focalizzato anche in altri ambiti, con o senza ferri in mano.

4. Ti immergi in un suono dolce

Anche il tintinnìo dei ferri l’uno contro l’altro mentre si lavora contribuisce alla sensazione di relax. E’ un suono dolce, appena percettibile che può diventare una sorta di ‘mantra’ che ti culla dolcemente per tutto il tempo dell’attività.

5. È una forma di meditazione

Non occorre essere seduti su un cuscino a gambe incrociate per meditare. Esiste anche un’altra forma di meditazione ‘informale’ che può essere svolta prestando attenzione consapevolmente a qualsiasi attività quotidiana. In particolare, i lavori che prevedono una sequenza di gesti precisi e sempre uguali, si prestano bene a questo tipo di meditazione. Se ripeti gli stessi gesti focalizzandoti su di essi con continuità imparerai a lasciare andare i pensieri e ti sentirai più rilassato.

 

A questo punto, non ti resta che provarci!

  1. Quanto scritto e’ giusto. con l’ handmade ci facciamo del bene. non solo con la maglia, ma con il ricamo, il decoupage, … saper fare qualcosa è una carica positiva. buon lavoro a tutti! 🙂

  2. messaggio perfetto! sono interessata sviluppare altri “punti” da sferruzzare
    insieme per un momento da condividere.

Rispondi a elisabetta adami Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.