loading

Happy New Day! – 7^ puntata: le micro pause

Dal risveglio all’attività fisica aerobica, dalla colazione al pranzo: nelle prime 6 puntate della web-serie “Happy New Day!” abbiamo visto insieme come vivere al meglio alcuni dei momenti cardine di una giornata tipo nella sua prima metà.

Nella 7^ puntata di “Happy New Day!” ti parlo di qualcosa che forse (purtroppo!) tendi a trascurare: sono le micro pause, cioè pochi minuti per fermarsi e ricaricare in velocità le batterie.

Ma non ti anticipo nulla, scopri tutto sulle micro pause nella breve pillola video qui sotto.

 

LIBRI CONSIGLIATI

SLOW READING
Leggere con lentezza nell’epoca della fretta.

di Mikics David
Scoprilo ora nel Bookstore Despar, clicca qui.

UOMINI, BOSCHI E API
di Mario Rigoni Stern
Scoprilo ora nel Bookstore Despar, clicca qui.

PICCOLI ESPERIMENTI DI FELICITÀ
di Hendrik Groen
Scoprilo ora nel Bookstore Despar, clicca qui.

 

TRASCRIZIONE DEL VIDEO

Ci sono tanti modi per provare a contrastare lo stress della vita quotidiana. Uno di questi è praticare le micro pause. Cosa vuol dire? Vuol dire sostanzialmente nel corso del giorno identificare dei momenti in cui concedersi una piccola pausa. Possono essere 5 minuti, 3 minuti, anche meno volendo, ripetuti più volte al giorno; per esempio 3 minuti ogni ora. Nessuno deve accorgersi di questa pausa, in realtà, perché è più una pausa mentale che fisica. Si tratta semplicemente di riguadagnare un certo livello di consapevolezza, fermarsi per qualche istante, fare qualche respiro profondo, rilassare per esempio i muscoli delle spalle, bere un sorso d’acqua e riprendere a fare quello che si stava facendo. Queste piccole pause permettono veramente al cervello di essere sempre concentrato al massimo delle sue capacità. Se poi, per esempio, a metà giornata, sei in grado addirittura di inserire una pausa un po’ più lunga, come si faceva una volta (ormai pochi lo fanno), che è quello del classico pisolino, ma anche in questo caso non deve necessariamente essere a casa disteso nel letto, può essere su una panchina, può essere nella tua sedia di lavoro, ma lì concederti sì qualche minuto in più, magari 5-10 minuti con gli occhi chiusi e sempre un po’ di tecniche di respirazione, sono veramente delle piccole accortezze che fanno una grande differenza. A volte arriviamo a fine giornata senza essere riusciti nemmeno a fermarsi un istante. Questo non fa bene al corpo e non fa bene neanche alla testa. Quindi, prova a fare le micro pause.

 
Nella prossima puntata: la pianificazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.