loading

Happy New Day! – 6^ puntata: il pranzo

Probabilmente anche tu ti rispecchierai nella situazione che racconto all’inizio della 6^ puntata della web-serie “Happy New Day!: quante volte ti sei preso l’impegno di migliorare la tua alimentazione e ti sei trovato in difficoltà nel momento in cui dovevi decidere cosa mangiare a pranzo? La risposta è contenuta nel video qui sotto. Scopri qual è ☺

 

PER APPROFONDIRE

“Il Piatto Unico vero e sano: guarda il video del Dr. Ongaro” della Redazione di Di Vita magazine e Casa Di Vita Despar.
Per vedere il video, CLICCA QUI.

“Il Piatto Unico per principianti: 5 domande chiave per imparare a conoscerlo” della Redazione di Di Vita magazine e Casa Di Vita Despar.
Per leggere l’articolo, CLICCA QUI.

Tutte le ricette di piatti unici su Casa Di Vita.
Scoprile QUI.

 

TRASCRIZIONE DEL VIDEO

Se sei anche tu una di quelle persone che sta cercando di mangiare sano e a pranzo non sai esattamente come comportarti prova a utilizzare il piatto unico. È un concetto molto semplice, introdotto dall’Università di Harvard e ormai molto diffuso. Significa: prendi un piatto, dividilo a metà, metà di questo piatto sarà dedicata alle verdure, l’altra metà dedicala un angolo ai cereali integrali cambiandoli tutte le volte che vuoi, dal riso integrale alla pasta integrale, e l’altro angolo dedicato alle proteine anche qua si può variare tra proteine di origine animale e proteine di origine vegetale. Il piatto unico non è una dieta personalizzata, è un’indicazione su come costruire un pasto. Siccome mangiare sano non è questione di teoria, ma è questione di pratica quotidiana e molte persone conoscono la teoria ma poi non sanno metterla in pratica in maniera adeguata; è un modello da utilizzare anche per costruire il proprio pranzo anche quando abbiamo non tantissimo tempo a disposizione e poca concentrazione per costruire un pranzo corretto: pensa semplicemente al piatto unico, alla sua suddivisione, e ti risulterà abbastanza facile mangiare in maniera corretta anche senza dedicarci troppa attenzione.

 
Nella prossima puntata: le micro pause.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.