loading

Tante fibre e antiossidanti con la barbabietola

Nome

Barbabietola

Macro, micro e fitonutrienti

Costituita per la maggior parte da acqua (più del 90%), la barbabietola ha un bassissimo apporto calorico, zero grassi, poche proteine e circa il 4% di carboidrati. Al contrario è ricca di fibre (2,6%), sali minerali e vitamine. I principali minerali contenuti sono calcio, sodio, potassio, ferro, magnesio e fosforo. Tra le vitamine, quella maggiormente presente è l’acido folico, seguito da vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamina A (contenuta nelle foglie) ed E. Sono presenti anche antociani, allantoidi e flavonoidi.

Cosa fanno di buono per noi

Oltre alla presenza di fibra importante per garantire la regolarità intestinale e il mantenimento di un microbiota positivo, la barbabietola è caratterizzata anche dalla presenza di betalaine, composti che donano il caratteristico colore rosso-viola alla rapa rossa. La betalaina è importante per la protezione verso le malattie cardiovascolari, agendo come antiossidante e aiutando nella regolazione della pressione sanguigna.

Curiosità

La barbabietola si può mangiare sia cruda sia cotta, si conserva perfettamente in frigo per giorni e, una volta scottata in acqua bollente, può anche essere congelata. Comode e veloci, in commercio esistono anche le confezioni sottovuoto di barbabietole lessate. Se vuoi far scorta di tutte le sue virtù, di certo la dovrai preferire cruda: grattugiata oppure affettata molto sottilmente con una mandolina e servita con un filo d’olio extravergine d’oliva e succo di limone appena spremuto (importante per facilitare l’assimilazione del ferro).

*Articolo originale del 05/12/2014, aggiornato il 14/10/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.