loading

L’ambiente? Si aiuta a tavola!

Le abitudini alimentari di ciascuno di noi sono frutto di scelte non del tutto consapevoli o di tradizioni alimentari consolidate oppure di adattamenti a necessità contingenti, come quelle, ad esempio, di chi pranza fuori casa e ha poco tempo a disposizione per farlo. Il nostro stile di vita si caratterizza per la grande disponibilità di cibo ma anche per la scarsa attività fisica, un connubio che simula un benessere psico-fisico che tuttavia non necessariamente corrisponde ad uno stato di effettiva salute.

La comunità scientifica, come è noto, ha proposto un modello di alimentazione impostato sulla cosiddetta piramide alimentare, un supporto educativo che sintetizza visivamente i fondamenti di un’alimentazione corretta ed equilibrata.
Alla base della piramide alimentare sono indicati i cibi di cui si consiglia un consumo più frequente: cereali integrali, frutta, ortaggi.
Un aspetto da considerare è anche che i modelli di alimentazione che scegliamo hanno un impatto non solo sul benessere della persona ma anche sull’ambiente: un’alimentazione naturale può infatti sostenere anche il benessere… del nostro pianeta!

Lo schema che mette in evidenza questa relazione è la doppia piramide alimentare, dove al modello tradizionale è affiancato un modello capovolto che illustra come i cibi, nell’intero loro ciclo di vita (coltivazione o allevamento, lavorazione, trasporto, distribuzione e smaltimento dei residui), impattino sull’ambiente, tenuto conto di quanto queste fasi producono in termini di sfruttamento del suolo, consumo di risorse idriche (secondo la FAO 1 kg di carne richiede 15-20mila litri d’acqua, 1 pomodoro 13 litri, 1 caffè 140), emissioni di gas a effetto serra.
In sostanza ciò che fa bene all’uomo fa bene anche al suo habitat, il beneficio di un’alimentazione corretta… alimenta quindi un circolo virtuoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.