loading

In cucina con la Redazione: come preparare le tagliatelle integrali con piselli, asparagi e fiori di zucca

Prima che il simpatico pastaio di Verona rendesse la tua vita – ammettiamolo…. – più semplice, prima che food-processor e impastatrici invadessero la tua cucina, prima ancora che la nonna  cedesse di fronte alla macchinetta per tirare la pasta, c’era lui: sua maestà il mattarello!
Croce e delizia di ogni massaia, terrore dei piccoli quando combinavano qualche marachella, il mattarello ha sfamato ed educato intere generazioni 🙂
Che ne dici di riesumarlo dal fondo del cassetto e provare a fare le tagliatelle fatte in casa?
Se è la tua prima volta, potrebbero non essere perfette.
Magari non saranno sottili come quelle della tua nonna, forse non tratterranno il sugo come quelle della pubblicità. Ma vuoi mettere la soddisfazione?!
Per non parlare poi dei bicipiti tonici 😁

INGREDIENTI

(per 4 persone)

220 g di farina integrale di grano tenero
100 g di semola di grano tenero
3 uova Bio, Logico Despar
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva Bio, Logico Despar
200 g di piselli freschi sgranati
1 mazzo di asparagi
6 fiori di zucca
1 scalogno
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva Bio, Logico Despar
Un pizzico di gomasio alle erbe
Un pizzico di pepe nero
Un pizzico di sale marino integrale

COSA TI SERVE

1 forchetta
1 ciotola
1 mattarello
1 tagliere
1 coltello
1 padella salta pasta
1 pentola capiente
1 vassoio
Pellicola per alimenti

 

STEP  1: PEPARA L’IMPASTO

Rompi le 3 uova nella ciotola e sbattile bene aggiungendo un cucchiaio di olio. Sopra ad una superficie ampia – se non hai una spianatoia di legno, va benissimo il tavolo di cucina, pulito e asciutto – versa le due farine creando la classica fontana.  Aggiungi le uova un poco alla volta,  versandole direttamente dalla ciotola con una mano e impastando velocemente con l’altra. Quando la farina avrà assorbito la maggior parte del liquido, impasta con entrambe le mani per alcuni minuti. Se la sfoglia risulta appiccicosa, aggiungi una spolverata di farina, poca alla volta, fino alla consistenza corretta: se premendo l’impasto con un dito lasci un’impronta senza rimanere appiccicato, è pronta!
A questo punto dividi la sfoglia in 2 parti, avvolgila nella pellicola per alimenti e mettila in frigo per un’oretta. Questo passaggio è fondamentale, perché dopo il riposo l’impasto che sembrava duro e difficile da lavorare, diventerà molto più morbido ed elastico.

STEP 2: STENDI LA SFOGLIA

Togli l’impasto dal frigo, infarina molto bene  il piano di lavoro con la semola di grano duro (tienila a portata di mano perché ti servirà per tutto il tempo) e con il matterello cominci a stenderlo. Continua a stendere la sfoglia infarinandola e rigirandola spesso, e cercando di darle una forma rettangolare. Questo è il passaggio più faticoso e delicato assieme: per stendere la sfoglia ci vogliono buoni muscoli e pazienza. Le nostre nonne dicevano che la sfoglia era pronta quando ci si vedeva Sant’Antonio – o qualunque altro Santo cui fossero devote – attraverso. Significa che più la sfoglia è sottile e uniforme, più la tagliatella cuocerà uniformemente e sarà delicata al palato. Se l’impasto di base è stato fatto per bene, la sfoglia sarà elastica e resistente, e servirà solo un po’ di olio di gomito per renderla veramente sottile.
Infarina nuovamente il piano e la sfoglia, arrotolala su se stessa e tagliala della misura che desideri:  1 cm di larghezza per avere delle tagliatelle,  1 e mezzo o più per le pappardelle, mezzo centimetro o anche meno per i tagliolini. Srotola con le dita le tagliatelle e mettile ad asciugare su un grande vassoio infarinato.

STEP 3: CUOCI IL SUGO DI VERDURE

Il più è fatto! Il resto è un gioco da ragazzi.
Pulisci i fiori di zucca, togliendo il pistillo e facendoli a striscioline con le mani, e tienili da parte.
Affetta sottilmente lo scalogno e fallo appassire in una larga saltapasta, con un filo d’olio e un pochina d’acqua. Taglia a pezzetti gli asparagi e aggiungili allo scalogno, assieme ai piselli sgranati. Cuoci a fuoco lento per una decina di minuti, fino a che le verdure sono tenere ma non sfatte. Insaporisci con una grattata di pepe e un pizzico di gomasio.
Cuoci la pasta fresca in abbondante acqua leggermente salata, scolala al dente e falla saltare nel sugo per un minuto, aggiungendo i fiori di zucca solo ora, in modo da mantenerne il colore vivace.

Porta in tavola on tutto l’orgoglio e la soddisfazione che ti meriti 🙂
E pensa alla tua nonna ❤️