loading

Astuzie e segreti per pomodori al top

Re dell’orto estivo, il pomodoro è uno dei frutti più apprezzati e coltivati. Non occorrono doti particolari per far crescere questa solanacea con ciclo di vita annuale, basta un po’ di attenzione e conoscere alcuni accorgimenti per godere di un generoso raccolto.

Acqua

Il pomodoro è un frutto ricco di acqua, soprattutto nella fase iniziale di crescita fornite regolarmente frequenti irrigazioni, evitate di bagnare la parte fogliare per scongiurare il proliferare di malattie fungine.

Cimatura

Nella tarda estate asportate le cime per far confluire tutta l’energia nei frutti.

Consociazioni

Al contrario di tanti altri ortaggi, il pomodoro richiede di essere coltivato nel medesimo posto, godrà della vicinanza del sedano, del prezzemolo dei porri dei cavoli e dell’aglio. Proprio non gradisce invece la consociazione con il finocchio, con la patata o con altre parenti solanacee.

Sfemminellatura

Chiamata anche scacchionatura è un’operazione che consiste nel rimuovere con le dita i germogli laterali, i femminelli, sviluppati alla biforcazione dei rami per impedire la crescita di getti sterili a scapito dei frutti.

Pacciamatura

Per controllare l’eccessiva evaporazione dell’acqua dal terreno, risulta particolarmente utile pacciamare la base delle piante con un buono strato pacciamante. Ottime le foglie di consolida ricche di potassio e le femminelle di pomodoro.

Terreno

I pomodori richiedono terra fertile e necessitano quindi di un abbondante apporto nutritivo con concime organico pellettato o letame maturo ben decomposto. L’ideale è preparare in autunno il letto di terra coprendolo in inverno con un telo pacciamante. In primavera metterete a dimora le piantine su filari, distanziandole di almeno 35-45 cm.

Tutoraggio

Inserite vicino alla giovane piantina una canna o altro tutore per fornire un appoggio durante la crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.