loading

I 12 cibi più ricchi di rame

Il rame è un elemento “multitasking” svolge, cioè, diverse funzioni nel nostro organismo: interviene nella produzione di energia nelle cellule, contribuisce alla lotta contro i radicali liberi, è benefico per capelli, pelle, ossa e sistema immunitario e aiuta cuore e cervello a funzionare al meglio. Un’alimentazione completa e ben bilanciata, quindi, non può fare a meno di cibi ricchi di rame. Scopri di seguito quali sono.

1. Salmone

In Italia non è sempre facile trovare il salmone fresco selvaggio. Se scegliete quello di allevamento assicuratevi che i mangimi siano biologici e di qualità. Potete utilizzare anche il salmone selvaggio affumicato. In questo caso l’apporto di rame è inferiore rispetto al prodotto fresco.

SCOPRI SUBITO: 7 ricette sane con il salmone

2. Orzo

Per garantirvi un ottimale apporto di rame utilizzate l’orzo semiperlato oppure “il mondo”. Quest’ultimo è il più “grezzo”, deve essere tenuto in ammollo per almeno 6 ore prima della cottura. Può essere usato per preparare insalate fredde, oppure zuppe, sformati o come alternativa alla pasta o al riso.

 

3. Avena

In fiocchi, in chicchi, in farina, provate a utilizzare l’avena più spesso in cucina. Oltre a garantirvi un buon apporto di rame, vi aiuterà a combattere la stanchezza fisica e soprattutto mentale e a tenere sotto controllo lo stress.

4. Lenticchie

Piccoli scrigni di ferro e rame. Le lenticchie sono alimenti utilissimi per prevenire l’anemia nelle donne in età fertile. Ideali se si pratica attività fisica in modo regolare e costante. Utili per chi trascorre molte ore al computer impegnato in attività che richiedono attenzione e concentrazione. Ottimi alimenti per potenziare il sistema immunitario non solo in inverno, ma anche in primavera quando gli sbalzi di temperatura possono contribuire a sviluppare riniti, faringiti o tracheiti.

SCOPRI SUBITO: 10 modi di preparare le lenticchie

5. Cacao

Scegliete un buon cacao che ha subito processi di torrefazione blandi così da garantirvi un buon contenuto di polifenoli e minerali, incluso il rame. Aggiungetene un cucchiaino nel caffè del mattino. Provatelo nelle bevande vegetali e utilizzatelo per fare il pane o la pasta fatti in casa. Ricordatevi che il cacao è una spezia e il suo sapore amaro lo rende indicato, in piccole quantità, anche nelle preparazioni salate.

6. Germe di grano

Acquistatelo in scaglie e utilizzatelo nello yogurt, macedonie, insalata, piatti a base di verdure cotte o crude, sui cereali integrali, sulla pasta abbinato o in sostituzione del grana, sui legumi o sul pesce. Ricordatevi di aggiungerlo sempre a fine cottura (fornelli spenti) per beneficiare di tutti i suoi preziosi nutrienti, tra cui il rame. L’olio extra vergine d’oliva ne esalta l’aroma.

 

7. Arachidi

Per assicurarvi un apporto di rame ottimale acquistate arachidi non tostate e utilizzatele come le noci e le nocciole per preparare piatti e spuntini saporiti e ricchi di preziosi nutrienti.

8. Nocciole

Impariamo a usarle in piatti salati, ad esempio al posto dei pinoli nella preparazione del pesto. Tritate e mescolate alla farina di mais e alle erbe aromatiche possono diventare una deliziosa impanatura per carni bianche o pesce; frullate con la curcuma e mescolate a un buon olio extra vergine d’oliva si trasformano in un delizioso sugo per la pasta. Con un po’ di fantasia le nocciole possono diventare le nostre più preziose alleate in cucina!

SCOPRI SUBITO: Ricetta per crema di nocciole piemontesi

9. Noci

Consumiamole tutto l’anno. Intere come spuntino insieme alla frutta fresca, tritate nello yogurt o nelle macedonie, frullate nei dolci o nell’impasto di pane, focacce e pizza. A pezzetti nei sughi di verdura o come condimento di insalate e pesce. Insomma le noci sono un vero jolly in cucina!

10. Uvetta

Privilegiamo quella essiccata naturalmente e conservata senza additivi. Utilizziamola la mattina a colazione nello yogurt naturale, aggiungiamola nella macedonia in sostituzione dello zucchero, consumiamola come spuntino insieme a frutta fresca quando abbiamo bisogno di un immeditato surplus di energia fisica o mentale. Abbinata a cereali integrali, legumi e verdure ricche di fibre (carote, cavoli, finocchi, ecc) innalza la glicemia più lentamente, evitando i picchi di insulina e assicurando una lenta e costante produzione di energia.

 

11. Avocado

È senza dubbio un frutto ricco di grassi, ma fortunatamente sono tutti “buoni” perché appartengono alla famiglia degli omega-3, utili per innalzare le HDL (il colesterolo “buono”) e abbassare le LDL (quello “cattivo”). Oltre al rame, questo alimento è una buona fonte di potassio, betacarotene e vitamina E. Un cibo ideale per gli sportivi e per coloro impegnati in attività che richiedono attenzione e concentrazione.

SCOPRI SUBITO: 7 ricette con l’avocado

12. Molluschi

Potete sbizzarrirvi tra calamari, cozze, vongole, seppie, polpi, chiocciole, lumache di mare, ostriche. Assicuratevi prodotti freschi, privilegiate cotture rapide e serviteli con il loro liquido di cottura per non disperdere il rame. L’assenza delle spine rende questi alimenti adatti all’alimentazione di bambini e anziani. Insieme al rame apportano ferro e preziose proteine.

  1. Proprio ieri il convegno sull’Alzaimer ha messo in evidenza la grande responsabilità del rame nell’eziopatogenesi della malattia . Verificate le vostre affermazioni in merito !!!!!( TG 5 delle ore 8:00 di martedì 18 novembre 2014 )

  2. Ciao Mauro! Sono diversi gli studi scientifici sugli effetti del rame sul nostro organismo che necessitano di ulteriori conferme. È un tema ancora “aperto” su cui la comunità scientifica si sta ancora interrogando. Per le conoscenze attualmente in nostro possesso sappiamo che un organismo in salute è in grado di assorbire rame solo in base alle sue reali necessità e che, per la minima quantità contenuta nei cibi, è difficile che si possa creare un vero accumulo di questo minerale. Comunque manteniamo anche noi l’attenzione su questo argomento nel caso in cui ci siano ulteriori sviluppi.

  3. Insomma fa bene o fa male assumerlo nei cibi che lo contengono? Se favorisce l’ alzaimer, comepuo’ esere antiossidante?

    1. Ciao Luisa! Per quanto ne sappiamo, gli studi non sono ancora definitivi ed è vero che l’eliminazione del rame in modo fisiologico dipende dall’apporto di zinco e manganese, dunque, come sempre, dipende tutto dall’equilibrio complessivo dell’alimentazione. Per prevenire il rischio di Alzheimer sarebbe più utile ridurre il consumo di zucchero.

  4. …e per viver “tranquilli” dobbiamo pensar sempre al tema”malattia”. Oltre che far la parte del piccolo chimico e dosare e soppesare tutto ció che beviamo e mangiamo. Salvo poi avere effluvi di capello dovuti da eccesso di stress conseguente l’attivitá soppesatoria e dosatoria.

    Leggiamo e dimentichiamo.
    Ottimi consigli ma poi mandiamo via i pensieri.
    Chi ci riesce é bravo/a.

    Namasté

  5. Il mio piu che un messaggio e una richiesta vorrei se e possibile avere una prescrizione di una dieta ricca di rame e zinco da inviare al mio indirizzo e mail grazie

    1. Ciao Fabrizio! Ti consigliamo di rivolgerti prima di tutto al tuo medico di base e poi a uno specialista in nutrizione che sapranno formulare la dieta migliore per te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.