loading

A Carnevale ogni golosità vale

Tra maschere e coriandoli, ogni anno a Carnevale è un tripudio di specialità gastronomiche tipiche, amate da grandi e piccini.

Tra frittelle, castagnole e chiacchiere non si può certo dire che questi dolci carnevaleschi siano adatti ad una sana alimentazione. Ma, dopotutto, si può fare uno strappo alla regola durante il periodo di Carnevale per poter consumare con moderazione queste prelibatezze e godersi appieno lo spirito di questa festa; come sempre, basta non esagerare.

Incominciamo il nostro viaggio gastronomico alla scoperta delle specialità di Carnevale a Milano dove il carnevale ambrosiano, che termina quattro giorni dopo rispetto al resto d’Italia, si festeggia con la golosità dei tortelli dolci, cioè dei fagottini di pastella fritta aromatizzati al rhum.

In Veneto, invece, è di norma festeggiare il Carnevale con le fritoe, o frittelle. Come suggerisce il loro nome si tratta di palline di pastella fritta nel cui impasto troviamo l’uvetta messa in ammollo nel vino bianco.

Niente uvetta, invece, per le castagnole emiliane nel cui impasto troviamo invece un goccio di liquore all’anice.

Lievito di birra, uova, farina, sale, zucchero e olio per friggere sono ingredienti che ricorrono anche nei fratini toscani. La forma, però, è completamente diversa rispetto ai tortelli milanesi, alle frittelle e alle castagnole, perché l’impasto viene lavorato a forma di ciambella per essere poi fritto nell’olio bollente.

Il miele è il grande protagonista della pignoccata siciliana: dei piccoli gnocchetti dolci di farina, uova, zucchero, strutto e scorza di limone che vengono tipicamente ricoperti di miele (o, in alcune zone, di cioccolato fondente, come a Messina) e di zuccherini colorati per ricordare i coriandoli di Carnevale.   

Il nostro tour sulle specialità gastronomiche del Carnevale si conclude con le chiacchiere, il dolce carnevalesco per eccellenza che ritroviamo in tutta Italia in decine di varianti e con nomi diversi. Volete sapere quali? Continuate a seguirci, domani lo scoprirete!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.