loading

Champignon, funghi a zero grassi

Dopo aver scoperto come abbinare perfettamente il rombo con gli champignon ora è arrivato il momento di scoprire di più su questi funghi che spopolano sui banchi ortofrutta soprattutto durante l’autunno. Conosciamo tutti il loro sapore, ma spesso ignoriamo le loro ottime proprietà nutritive.

Proprietà e benefici degli champignon

Non solo un contorno gustoso, gli champignon racchiudono numerosi benefici per l’organismo. Infatti, sono l’ideale nelle diete dimagranti perché hanno poche calorie, non contengono grassi e sono pressoché privi di sodio. Sono invece ricchi di fibre e potassio. Molto interesse destano alcuni composti bioattivi presenti in questo alimento che sembrano avere effetti positivi su sistema immunitario, pressione arteriosa e assetto lipidico. Queste osservazioni dovranno però essere confermate da ulteriori studi per poterne accertare la validità.
Gli champignon come altri funghi, sono ricchi di acido glutammico, un amminoacido che spesso troviamo come glutammato monosodico (additivo E621), utilizzato per esaltare la sapidità di alcune preparazioni alimentari.
I funghi possono quindi rappresentare un ingrediente molto utile per donare sapore ad una ricetta limitando o non aggiungendo affatto il sale.

Consigli per cucinare gli champignon

Gli champignon sono i funghi più coltivati e venduti al mondo perché sono i più leggeri e facili da preparare. Prima di cucinarli bisogna accertarsi che la polpa interna sia integra e che non presenti fori. Gli champignon si accompagnano ad antipasti, primi e secondi piatti sia a base di carne che di pesce. Provateli, per esempio, nella nostra ricetta della pizza integrale con la zucca.

Curiosità

In italiano gli champignon sono chiamati anche funghi di Parigi. Il collegamento con la capitale d’Oltralpe non è casuale: lo stesso nome comune champignon significa semplicemente fungo in francese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.