loading

Alla ricerca di erbette d’autunno

Offerte generosamente da madre natura, gustose, ricche di sali minerali, le erbe di campo sono state un’importante fonte di alimentazione per tante generazioni non solo di contadini.

Un orto e un pozzo dove attingere l’acqua per bagnarlo erano appannaggio di pochi eletti, e le verdure, se non raccolte direttamente nei campi, venivano acquistate dagli ortolani.

La fresca verdurina cresciuta spontanea nei campi, nei prati, nelle rive, nelle scarpate erbose comprese tra due piani agricoli, o nei luoghi più umidi, era utilizzata nella preparazione di pietanze semplici, gustose e naturali; una miscela di erbette e di quello che il territorio poteva regalare era composta per la cucina più povera.  

La pratica di servirsi delle erbe di campo talvolta resiste al trascorrere del tempo e alla modernità e in alcune regioni italiane le erbe sono ancora protagoniste delle ricette e dei piatti tradizionali dove il mazzetto prende nomi differenti.

Le buone erbette nascono sia in primavera, quando dopo le abbondanti piogge, il sole fa germinare le semenze rimaste tutto l’inverno sul terreno e le specie perenni ricacciano i nuovi germogli; ma si cercano anche in autunno, quando le temperature si abbassano e ancora una volta si offrono le condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo delle piantine. Crescono le prime rosette fogliari ricche di proprietà nutritive e terapeutiche e dalla consistenza più tenera.

Si sviluppano negli incolti, nei terreni ricchi di sostanze nutritive, nei prati concimati, ai margini delle strade o dei sentieri, e sfruttano ogni più piccola fessura tra le rocce, negli orti o nei campi. Il luogo idoneo dove coglierle dovrà essere lontano da zone con inquinamento industriale, da strade di grande traffico o da campi irrorati con pesticidi ed erbicidi. La raccolta delle erbe va fatta preferibilmente di mattina, appena la rugiada è stata asciugata dai primi raggi di sole.

Conoscete Simonetta? Scoprite il suo primo post per Casa di vita dedicato all’orto biodinamico. Potete trovare altri consigli di Simonetta su orto e erbe della salute sul suo blog aboutgarden.wordpress.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.