loading

Dimmi che umore hai e ti dirò che uovo sei!

Stressato o di fretta? Arrabbiato o in vena di grandi sfide?
Le nostre giornate sono piene di cose da fare, punteggiate da tanti piccoli imprevisti ma anche da qualche piacevole sorpresa. A volte ci alziamo di malumore, ma basta il sorriso di una persona cara per migliorare la giornata! Altre volte, partiamo carichi di buone intenzioni, ma gli imprevisti ci fanno arrivare a sera stanchi e innervositi….
Qualunque sia il tuo umore, esiste l’uovo perfettamente intonato al tuo mood 🙂

Ecco 5 metodi di cottura di questo alimento e tanti piccoli segreti per un risultato perfetto.

Fretta? Uovo sodo, sei mio

È il più noto dei metodi di cottura, eppure ottenere un uovo cotto e sgusciato alla perfezione non è così banale; ecco alcuni trucchi per riuscirci:
• sistema con delicatezza le uova nel pentolino vuoto e solo dopo aggiungi acqua a temperatura ambiente;
• porta ad ebollizione a fiamma moderata, in modo che il bollore non faccia sobbalzare troppo le uova, e conta 7/10 minuti da quel momento;
• non scolare le uova, ma aggiungi nel pentolino una parte di acqua fresca, in modo da abbassare la temperatura e lasciarle raffreddare.
A questo punto le uova sono pronte per essere sgusciate, ma se il tuo problema è il tempo, cucinane qualcuna in più e mettetile in frigo prima di sgusciarle: si conserveranno perfettamente per almeno una settimana, e saranno un perfetto snack energizzante o un “salvacena” per ogni occasione.

Arrabbiato? Sfogati strapazzando

Tornato dal lavoro nervoso e irritato? Magari hai pure fatto tardi per il corso in palestra? Scarica la tensione strapazzando un paio d’uova ☺
Non fare però l’errore di sbattere le uova in una ciotola e poi lanciarle su un padellino incandescente! Per avere un risultato “really british”, morbido e saporito, basta qualche piccolo accorgimento:
• rompi le uova direttamente in un pentolino antiaderente (tipo quello in cui ti scalderesti un po’ di zuppa), aggiungi un filo d’olio e un pizzico di gomasio, tutto a freddo;
• a questo punto metti sul fuoco, a fiamma moderata, e comincia a girare le uova con un mestolo di legno, abbastanza velocemente;
• appena cominceranno a rapprendersi alza il pentolino dal fuoco, continuando a girare le uova fuori dal fuoco per 30 secondi; rimettile sul fuoco e continua ad alternare questo fuoco/non fuoco senza mai smettere di girarle, fino a cottura ultimata.
All’ultimo mantecale con un cucchiaino di yogurt greco e una spolverata di spezie. Questa tecnica permetterà alle uova di cucinarsi dolcemente, senza diventare secche e stoppose, e a te di scaricare tutta la tensione accumulata durante la giornata!

Sicuro di te stesso? È il momento di sfidare la camicia

Ti sarà di sicuro capitato di provarci e di fallire. D’altronde molti chef raccontano che gli unici momenti di panico vissuti nella loro carriera sono legati alla cottura di un uovo in camicia. Ma oggi ti senti invincibile: ti sei alzato pieno di energia, al lavoro è andato tutto a meraviglia e hai voglia di chiudere la giornata in bellezza. Se non vuoi rovinarti la giornata però, lascia perdere acque acidulate e vortici, e fai così:
• riempi d’acqua una pentola bassa e larga e porta a bollore;
• immergi nella pentola uno o più stampini in silicone, tipo quelli che useresti per fare un muffin o un budino monoporzione; abbassa la fiamma al minimo in modo che l’acqua continui a bollire, senza però muovere troppo gli stampini;
• ora sguscia un uovo alla volta dentro a ognuno degli stampini.
Il peso dell’uovo farà affondare lo stampino e l’acqua bollente ricoprirà l’uovo cuocendolo alla perfezione: in 4 minuti il tuo uovo in camicia sarà pronto. E la tua giornata perfetta, pure ☺

Annoiato? Il tuorlo marinato ti sorprenderà

Stanco del solito tran-tran? Annoiato da una giornata uggiosa? Abbiamo quello che fa per te: il tuorlo marinato. Portato alla ribalta da un grandissimo chef italiano, questo modo molto particolare di “cuocere” il tuorlo dell’uovo stupirà il tuo palato e quello dei tuoi commensali. Molto semplice nell’esecuzione, richiede solo un po’ di pazienza:
• per marinare 4 tuorli, in una ciotola mescola 100g di sale e 100 di zucchero (tranquillo: i tuorli non assorbiranno né il sale né lo zucchero);
• sguscia le uova una ad una e adagia i tuorli con delicatezza sul miscuglio di sale e zucchero;
• ricopri i tuorli con altrettanta quantità di sale e zucchero mescolati, e lascia riposare in luogo fresco;
• dopo almeno 4 ore, con un cucchiaio raccogli un tuorlo per volta e immergilo delicatamente in una ciotola d’acqua per liberarlo dal sale e dallo zucchero.
Dopo poche ore la consistenza del tuorlo sarà simile a quella di un uovo alla coque, se invece avrai la pazienza di aspettare 15 giorni potrai addirittura grattugiare il tuorlo per rendere unici e indimenticabili i tuoi piatti. Altro che noia!

Stressato? Prenditi una pausa con l’uovo al forno

Te lo sogni da questa mattina: una lunga doccia bollente, una tazza di tè e un episodio della tua serie preferita. Ma concedersi un momento di relax non è sempre facile, soprattutto quando è in arrivo una tribù affamata! Ma se hai un forno e una teglia da muffin, non tutto è perduto 🙂
• preriscalda il forno a 165°C;
• posiziona le uova – ancora con il guscio, uno in ogni stampo della teglia da muffin;
• infila in forno, imposta il timer a 30 minuti e indossa l’accappatoio.
Il risultato sarà quello di un uovo sodo, ma tu sarai mooolto più riposato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.