loading

14 spezie ed erbe aromatiche per digerire bene – prima parte

Spezie ed erbe aromatiche sono utili a dare gusto e sapidità ai tuoi piatti senza dover ricorrere al sale. Ma sai quali altri lati positivi hanno sulla tua alimentazione?

Ti presentiamo ben 14 tra spezie ed erbe aromatiche, 7 qui e 7 in un altro articolo, che potranno facilitare la tua digestione. Infatti, grazie alle loro proprietà, stimolano la salivazione, la funzionalità gastrica e il rilassamento delle pareti intestinali.

Scopri qui quali sono e in quali ricette puoi usarle.

1. Aglio

L’aglio fa bene al tuo organismo perché ha proprietà antiossidanti e antibatteriche. Utilizzarlo nei tuoi piatti è facile, infatti, può essere abbinato a una grande varietà di cibi. Ad esempio, è perfetto per accompagnare cavolo, pomodoro, zucchine, carote ma anche pesce bianco e azzurro, molluschi, pollo e manzo. In cucina si presta soprattutto per la creazione di zuppe, marinature e dressing. Qui te lo proponiamo in un antipasto con bietola e alici.
E se l’odore è troppo fastidioso? Prova ad abbinarlo al prezzemolo che lo contrasterà.

2. Alloro

L’alloro è apprezzato fin dall’antichità per le sue proprietà curative grazie alla presenza della lauro stearina, usata anche per produrre saponi, e dell’acido laurico che si trova nelle foglie e nelle bacche. Con questa erba aromatica si può preparare un unguento anti-dolori reumatici. Noi sai come utilizzarlo in cucina? Provalo per profumare i tuoi piatti come con queste scaloppine integrali di vitello al limone, vino bianco e alloro.

3. Anice

Il nome anice si usa per identificare tre tipi di pianta: l’anice verde, che ha un sapore simile a quello del finocchio; l’anice stellato, che sa proprio di liquirizia, e l’anice pepato che ha un gusto molto aromatico e piccante. Il sapore particolare di tutte le varietà ha reso questa erba aromatica famosa nella preparazione di dolci. Nel Nord-Europa è molto usata anche per accompagnare formaggi e verdure mentre in Oriente è abbinata a pietanze a base di carne, come pollo o anatra. Qui te la proponiamo in versione classica, usata per insaporire delle dolci ciambelline.

4. Basilico

Il basilico è una delle erbe aromatiche simbolo della cucina italiana. È facile da coltivare anche sul balcone di casa e se vuoi conservarne un po’ per l’inverno, lo puoi congelare, far essiccare o conservare sotto sale. Non solo aiuta la digestione ma è anche antiossidante e aiuta a ridurre gli spasmi. Si può abbinare a moltissimi alimenti ed è perfetto sia come pesto o in salse a base di pomodoro, sia come condimento in zuppe e stufato. Provalo in un sugo con fave e ricotta, sarà gustoso e nutriente anche per i tuoi bambini.

5. Cardamomo

Il cardamomo è una spezia molto profumata che ricorda l’eucalipto, nella cucina orientale viene abbinato soprattutto a carne e pesce ma è perfetto anche accompagnato a ortaggi come patate dolci, carote, zucca e agrumi. È impiegato anche per la conservazione dei cibi e in Egitto è usato per la pulizia dei denti e come rimedio per l’alitosi. In cucina, in Occidente, è usato soprattutto nei dolci e nei liquori ma te lo proponiamo in chiave salata in questo piatto unico con riso agli agrumi e cardamomo.

6. Chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono un toccasana per la tua digestione, hanno proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, riscaldanti e analgesiche. In cucina è utilizzato con patate dolci, zucca o fagiolini che acquistano un sapore particolare se due chiodi di garofano sono aggiunti nell’acqua di cottura. È una spezia che accompagna anche carni dal sapore delicato come pesce azzurro e agnello. Quella che trovi qui è una proposta dolce, con questi biscotti speziati con cioccolato fondente. Una curiosità: nell’antichità si credeva che bruciare questa spezia purificasse gli ambienti dagli odori e dalle negatività.

7. Coriandolo

Il coriandolo è un’erba aromatica molto diffusa nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, grazie al clima mite che si trova in questi luoghi. Del coriandolo si consumano sia le foglie sia i grani essiccati, che però hanno sapori molto differenti gli uni dagli altri. Gli Antichi Romani lo mettevano sotto al cuscino per alleviare emicrania e febbre, mentre oggi sono riconosciuti i suoi benefici contro il gonfiore intestinale e le coliche. Cerchi un po’ di ispirazione per utilizzarlo in cucina? Provalo in questa minestra con riso, cavolfiore e coriandolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.