loading

Le 10 regole per una buona digestione

Mai sentito parlare di “dispepsia”? Eppure più del 30% degli Italiani ne soffre.

I disturbi legati alla digestione si manifestano con sintomi quali senso di gonfiore, pesantezza e acidità dopo i pasti.
Le ricadute non si fanno solo sentire a livello fisico, ma condizionano negativamente anche il nostro umore e i nostri rapporti sociali, lavorativi ed affettivi.

Alimentazione e stress sono i principali responsabili della cattiva digestione.

Conquistare uno stile di vita equilibrato è quindi fondamentale per prevenirli: in questa lista sono elencati 10 consigli utili proprio a questo.

Scopri, poi, tutti i nostri rapidi consigli sugli alimenti da utilizzre per mangiare sano!

1. Meditare prima di mangiare

Utilizziamo la respirazione prima dei pasti per tenere sotto controllo la voracità e l’appetito e per facilitare la digestione. Bastano pochi secondi del nostro tempo per controllare il nostro respiro e permettere così di attivare il sistema nervoso parasimpatico, che è responsabile dei comportamenti rilassati.

2. Masticare lentamente

La prima digestione avviene in bocca: ingurgitare troppo velocemente i cibi obbliga il nostro intestino ad un lavoro molto più complesso e lungo. Masticare lentamente invece ci permette di digerire meglio, oltre che di assaporare fino in fondo le pietanze.

3. Non esagerare con l’acqua

Se a tavola vi sentite gonfi come una rana, forse avete esagerato con l’acqua! Bere troppo durante i pasti, infatti, diluisce i succhi gastrici e rallenta la digestione. Se nel nostro piatto mettiamo una generosa porzione di verdura, assicureremo ugualmente al nostro organismo il corretto apporto idrico.

4. Mangiare a intervalli regolari

Per distribuire correttamente le calorie nell’arco della giornata ed evitare di sovraccaricare il nostro stomaco ai pasti principali, è importante mangiare ogni 2/3 ore. Cosa? Semplice e naturale! Noci, mandorle o frutta per esempio. E il nostro livello glicemico sarà sotto controllo.

5. L’importanza del metabolismo

Fatica ad addormentarsi? Spesso è legata all’aver mangiato poco prima di coricarsi. Nelle ore serali e ancor di più durante il sonno, il nostro metabolismo lavora molto più lentamente e molte delle calorie assunte si trasformano in accumulo di grasso.

6. Fare attenzione agli enzimi dei cibi

I responsabili della digestione sono alcuni enzimi che lavorano in condizioni di acidità tra loro diverse. Assumere in uno stesso pasto, quindi, cibi che richiedono processi digestivi differenti, rallenta la digestione e compromette l’assorbimento dei nutrienti. Nel piatto evitiamo di mettere insieme proteine di diversa provenienza (carne e formaggio, pesce e uova ecc.) ma anche proteine con carboidrati raffinati (carne e pane bianco ad esempio).

7. Frutta sì, ma al momento giusto

Frutta prima o dopo i pasti? Questo è il dilemma! In realtà non cambia nulla: mangiarla subito prima o subito dopo rallenta comunque la digestione e provoca gonfiore, perché la frutta si mescola nel nostro stomaco agli altri alimenti del pasto. L’ideale è consumarla almeno 1 ora e mezza prima o 3 ore dopo così da poterla digerire da sola.

8. Evitare il consumo di alcolici

Un digestivo per chiudere la cena? Meglio di no! Contrariamente a quanto evoca il nome, è dimostrato che l’alcool durante i pasti prolunga il processo di digestione e porta lo stomaco a produrre secrezioni eccessive. Allo stesso modo evitiamo le bevande gassate: l’aria e gli zuccheri che contengono rendono più complessa la digestione.

9. Praticare attività fisica

Anche uno stile di vita sedentario può essere alla lunga causare difficoltà digestive. Per un funzionamento ottimale del nostro organismo è fondamentale praticare regolarmente movimento fisico, che consente di accelerare il metabolismo di base.

10. Limitare l’ansia

L’alimentazione non è la sola imputata dei disturbi digestivi. Spesso il problema è di carattere psicologico: ansia e stress emotivi, alla pari di uno scorretto stile alimentare, aumentano la sensibilità viscerale, influenzando negativamente la digestione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.